Nemesis; il presagio del Giorno del Giudizio

ingrandisci video
 

La fine del mondo si avvicina.

La stella chiamata Nemesis è 6500 volte più grandi della Terra. Il suo avvicinamento verso il nostro pianeta sarebbe fatale e devastatore.

Nemesis si sposta ad una velocità di 100 000 km/h circa e si avvicina del nostro pianeta per distruggere il mondo ad un momento inaspettatto.

Come Nemesis si avvicina al più vicino del Sole, la sua orbita lo conduce attraverso le migliaia di miliardi di comete che cingono il sistema solare. Un miliardo di comete sono mandato verso il sistema solare interno, un pugno urta inevitabilmente la Terra.

Anche se una di queste comete urtava il nostro pianeta, delle onde di parecchie centinaia di metri di altezza si formerebbero e distruggerebbero tutto sul loro passaggio.

Anche una meteora di una taglia di 200 metri avrebbe il potere di distruggere il 70% delle coste del nostro mondo.

Tuttavia, se questa meteora aveva una taglia di 10 km e veniva a colpire la Terra, allora una gigantesca nuvola di polvere si formerebbe ed impedirebbe la luce del sole di raggiungere il nostro pianeta. Tutte le piante e gli animali marinai sarebbero distrutti e completamente morti.

Tutto essere vivente sulla terra sarebbe distrutto completamente.

Allah ha rivelato nel Corano delle notizie concernente il Giorno del Giudizio, e la stella che farà cominciare il Giorno del Giudizio può essere Nemesis. (Allah sa la verità.)

 "E la terra e le montagne saranno sollevate e polverizzate in un sol colpo, in quel Giorno avverrà l'Evento" (Surat al-Haqqa, 14 -15)

2011-03-05 14:05:20

Riguardo questo sito | Fanne la tua Homepage | Aggiungi ai preferiti | RSS Feed
tutto il materiale può essere copiato, stampato e distribuito semplicemente facendo un riferimento a questo sito
(c) All publication rights of the personal photos of Mr. Adnan Oktar that are present in our website and in all other Harun Yahya works belong to Global Publication Ltd. Co. They cannot be used or published without prior consent even if used partially.
© 1994 Harun Yahya. www.harunyahya.it
page_top